Tutti gli articoli di pitema.matita

Federazione calcistica della Romania – Juniores 2005 all’estero

Campo estivo per juniores rumeni all’estero nati nel 2005

Il dipartimento di scoutismo della federazione calcistica rumena organizza un campo estivo per la formazione della futura squadra nazionale Under 15 per i giovani rumeni all'estero nati nel 2005, che si svolgeranno nei centri nazionali di calcio Mogoşoaia e Buftea tra il 20-27 luglio 2019.

Tutti i giovani rumeni nati nel 2005 che desiderano partecipare devono registrarsi inviando una e-mail entro la scadenza del 1 giugno 2019 a scoutingextern@frf.ro

La mail deve contenere, per ogni junior che desidera registrare, le seguenti informazioni: nome e cognome, data e luogo di nascita, club dove gioca attualmente, un numero di telefono (personale o genitore ).

Coloro che si iscriveranno riceveranno maggiori dettagli dopo il 1 giugno 2019. I giovani giocatori devono presentarsi al campo estivo con le proprie attrezzature sportive con un documento d'identità, con il consenso scritto del club per la loro partecipazione al FRF e un certificato medico attestante che sono adatti per lo sport.

La Federazione calcistica rumena fornirà ai giocatori le spese per vitto e alloggio durante quel periodo.

Per questa azione sono disponibili 48 posti.

Questa, sarà la quindicesima azione per gli juniores rumeni all'estero organizzata negli ultimi cinque anni dal dipartimento di pattugliamento della FRF.

Fonte della notizia: Federația Română de Fotbal


   




Badante in Italia – Asistență pentru vârstnici

 

Acum este cunoscut … În mare parte din Europa de Vest, oamenii în vârstă sunt în creștere și copiii sunt în scădere. Băieții emigrează în căutarea unui viitor mai bun, iar noile cupluri au decis să nu aibă copii.

Toate aceste variații în viața socială duc la o consecință inevitabilă – în următorii douăzeci de ani vom avea o populație de oameni în vârstă destinată să se confrunte cu restul existenței lor în singurătate. O tristețe incomprehensibilă care neagă legile fundamentale ale omenirii. Sensul familiei care dispare din cauza unei societăți care interzice însăși conceptul de familiaritate. Tocmai din acest motiv, trebuie să ne pregătim să ne confruntăm mai bine cu ceea ce cere bătrânețea noastră. În absența unui membru al familiei care se va ocupa de noi în greutățile noastre mai mari, care din cauza cauzelor naturale ne vor forța să ne abandonăm în fața necesității inevitabile de ajutor. Nu mai rușine – un străin, pentru muncă, dăruire, dezinteres și conștiință, va fi dispus să stea lângă noi, oferindu-ne mâncare, curățenie și răsfăț. Cine va fi alesul nostru?

Cu siguranta alegerea nu va fi usoara. Astăzi, alegerea unui asistent pentru bătrâni, așa-numitul “Badante”, se bazează exclusiv pe cuvânt, dar este clar că dacă vorbești bine despre o doamnă de încredere, 99% va fi deja angajată într-o altă familie. Ce să fac? Așteptați până când doamna va scăpa de angajamentul actual? Cu siguranță nu. Asta ar însemna să dorești moartea bătrânului că doamna care este doar o pro-postache are grijă de ea. Tocmai pentru această nevoie stresantă, www.pitema.com a creat crearea unui portal de schimb între candidații vârstnici cu venituri satisfăcătoare pentru cheltuielile care trebuie suportate și asistenții calificați, atât pentru calificările educaționale, cât și pentru claritatea morală și juridică.

Pitema.com se propune ca garant al schimbului între două generații care vor trebui să se întâlnească pentru a stabili o relație de încredere și de muncă, aplicând fiecare formă de contractuality între părți pentru a asigura atât o liniște necesară.

Pitema.com, o companie cu sediul în România, foarte conștientă de cultura și moralitatea populației feminine din România, selectează viitorii asistenți pentru vârstnici, direct în țara de origine.

Cerințe pentru selectarea asistenților:

  • vârsta 40/60 ani;
  • experiența de lucru ca asistent al persoanelor în vârstă;
  • calificări;
  • toate cursurile de formare desfășurate;
  • Dosarele judiciare și onorariile Italo / românești

Cerințe pentru selectarea persoanelor în vârstă:

  • Capacitatea economică de a susține salariul;
  • capacitatea economică și structurală de a garanta hrană și cazare;
  • dorința de a stabili un contract regulat în conformitate cu legislația italiană și plata respectivelor taxele pentru o pensie viitoare.

Sunteți interesat de proiectul nostru?  

Abonați-vă la newsletter-ul nostru pentru a primi actualizări.

Lucrăm pentru a fi operațional cu portalul din 01 septembrie 2019.   Salutări de la pitema.com

 

Autostrade in Romania

Inaugurazioni autostradali 2019-2022: come sarà la mappa della Romania dopo quattro anni con altri 580 km di strade ad alta velocità

La Romania raggiungerà una rete di 1.387 chilometri di strade ad alta velocità alla fine del 2022, dopo aver completato altri 580 chilometri dagli 807 chilometri di autostrada che attualmente possiede.

secondo CNAIR ECONOMICA.NET presenta piani dettagliati per lo sviluppo di infrastrutture stradali nei prossimi quattro anni.

La rete autostradale della Romania ha raggiunto 807 chilometri, dopo circa 60 chilometri nel traffico nel 2018.

La rete crescerà l'anno prossimo con altri 118 chilometri di autostrada, secondo le mappe della compagnia nazionale per l'amministrazione delle infrastrutture stradali (CNAIR), consultata da ECONOMICA.NET. I funzionari delle strade prevedono che il prossimo anno apriranno le seguenti sezioni di autostrade: - Autostrada Lugoj - Deva, lotti 3 e 4 (43,28 chilometri) - Sebeş - Autostrada Turda, lotti 3 e 4 (41,25 km) - Autostrada Transilvania, tra Iernut e Câmpia Turzii (33,59 chilometri)

Alcuni di questi progetti sono realizzati oltre il 90% (i lotti a Lugoj-Deva) e probabilmente saranno pronti l'anno prossimo. Altri non hanno un grado di esecuzione del 50%, quindi il boss delle scommesse sulle Strade alla loro apertura nel 2019 sembra molto rischioso. Se l'anno prossimo i 118 chilometri dell'autostrada CNAIR sono aperti al traffico, la Romania finirà il 2019 con una rete di 925 chilometri di autostrada. Inoltre, i piani di sviluppo stradale prevedono per il 2020 altri 89 chilometri. Pertanto, il 2020 potrebbe essere l'anno in cui la Romania finalmente romperà la soglia dei 1.000 chilometri e raggiungerà la fine di quell'anno in una rete di 1.014 chilometri. Gli 89 chilometri che potrebbero essere inaugurati nel 2020 includono: - Transylvania Highway, i tre lotti nella sezione Suplacu de Barcău - Borş (60 chilometri) - Autostrada Transilvania, Târgu Mureş - Ungheni (4,5 km di autostrada + 4,7 km di collegamento stradale) - Autostrada Comarnic - Brasov, Rasnov - Cristian Lottery (6,3 km di autostrada + 3,7 km di strada nazionale) - Autostrada Lugoj - Deva, sezione tunnel per orsi (9 chilometri)

Dopo la rottura della soglia dei 1.000 chilometri nel 2020, nel 2021 ci sarà un'inaugurazione di oltre 92 km di megaprogetti:
- Expres Road Craiova - Pitesti, sezioni 1 e 2 (57 chilometri)
- Ponte sospeso di Braila (19 km di strada principale + 4 km di strada di collegamento)
- Autostrada Transilvania, Suplacu de Barcău - Nuşfalău (13 km)

Il maggior numero di chilometri, record per la storia della Romania, sarebbe stato inaugurato nel 2022. Quell'anno di grazia sarebbe stato dato nel traffico non meno di 281 chilometri. Ecco quali strade ad alta velocità CNAIR conta di essere pronto nel 2022: - Autostrada a sud di Bucarest (52 km) - Expres Road Craiova - Pitesti, sezioni 3 e 4 (64 chilometri) - Autostrada Sibiu - Fagaras (72,57 chilometri) - Transylvania Highway, Nădăşelu - Meseş (43 chilometri) - Cintura di Bacău (30,8 km di strada nuova, di cui 16,29 sul profilo autostradale) - Autostrada Transilvania - Oradea, strada di collegamento (18,96 chilometri)

Le mappe di cui sopra non includono i progetti che verranno implementati attraverso il partenariato pubblico-privato, rispettivamente la Ploiesti - Comarnic - Brasov Highway, la South Highway e la North Highway.



Best Smartphone 2018 – € 195,49

Da sei mesi uso lo Smartphone Xiaomi Redmi Note 5. Lo considero per molti versi al top della categoria media, per hardware, prestazioni e display.

Xiaomi Redmi Note 5 è uno di quei prodotti che  si fa volere bene dal mercato.

Questo, per una combinazione di fattori che rendono il prodotto davvero bello e che lo portano ai limiti della sua categoria.

Scheda tecnica

RETE Tecnologia GSM / CDMA / HSPA / LTE
LANCIO Annuncio Marzo 2018
Stato Disponibile
CORPO Dimensioni 158.6 x 75.4 x 8.1 mm
Peso 181 g
Materiali Vetro frontale, corpo alluminio
SIM Hybrid Dual SIM (Nano-SIM, dual stand-by)
DISPLAY Tipo IPS LCD touchscreen capacitivo , 16M colori
Dimensioni 5.99 pollici , 92.6 cm2 (~77.4% screen-to-body ratio)
Risoluzione 1080 x 2160 pixel, 18:9 ratio (~403 ppi densità)
Multitouch Si
Protezione Corning Gorilla Glass (versione non speficiata)
– MIUI 9
PIATTAFORMA OS Android 8.0 (Oreo)
Chipset Qualcomm SDM636 Snapdragon 636
CPU Octa-core 1.8 GHz Kryo 260
GPU Adreno 509
MEMORIA Card slot microSD, fino a 256 GB (usa 2 slot SIM)
Interna 64 GB, 4/6 GB RAM o 32 GB, 3 GB RAM
CAMERA Doppia 12 MP, f/1.9, 1.4µm, dual pixel PDAF
5 MP, f/2.0, 1.25µm, sensore profondità
Funzioni Dual-LED flash, panorama, HDR
Video 1080p@30fps
SELFIE CAMERA Singola 13 MP, f/2.0, 1.12µm
Funzioni LED flash
Video 1080p@30fps
SUONO Tipi suoni Vibrazione; MP3, suonerie WAV
Altoparlante Si
3.5mm jack Si
– Cancellazione rumore con mic dedicato
CONN WLAN Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band, WiFi Direct, hotspot
Bluetooth 5.0, A2DP, LE
GPS Si, con A-GPS, GLONASS, BDS
Porta infrarossi Si
Radio FM radio
USB microUSB 2.0
FUNZIONI Sensori Impronte (sul retro), accelerometro, gyro, prossimità
Messaggi SMS, MMS, Email, Push Email, IM
Browser HTML5
– DivX/Xvid/MP4/H.265 player
– MP3/WAV/eAAC+/FLAC player
– Photo/video editor
– Visualizzatore documenti
BATTERIA Batteria non rimovibile Li-Po 4000 mAh
VARIE Colori Nero, Oro, Rosa oro, Blu, Rosso fiamma
SAR 0.79 W/kg (head)     1.03 W/kg (body)
Prezzo Circa 195,49 EUR

  Xiaomi Redmi Note 5. Design

Carino, il design è abbastanza carino. Si tratta di un misto tra alluminio e vetro che lo rende un prodotto abbastanza gradevole da vedere: certo nessuno spalancherà la bocca quando lo esibirete, però non è affatto male. In questo senso assomiglia alle ultime offerte di aziende concorrenti come Oppo e OnePlus. E’ disponibile nei colori Lake Blu, a nostro avviso il più bello, nero, dorato e rosa-dorato con la parte frontale bianca.  In alcuni e-commerce si trova anche il rosso fiamma, raro. E’ abbastanza resistente, anche se schiacciandolo un po’ si creano delle onde sul display, per cui non è un carrarmato.

Sul retro troviamo la fotocamera e il sensore per lo sblocco tramite riconoscimento delle impronte digitali. In realtà questi elementi sporgono un po’ quindi appoggiando lo Xiaomi Redmi Note 5 su una superficie piana “balla”. Per fortuna nella scatola arriva una cover in silicone che protegge e risolve la faccenda. Sul fondo il jack da 3.5mm per le cuffie, una entrata Micro USB 2,0 e lo speaker.

Sulle destra i classici tasti accensione/spegnimento e volume, mentre sulla sinistra due entrate che possono ospitare o due Nano SIM, o una Nano SIM e una schedina di memoria MicroSD. In alto invece il sensore IR, per dare comandi a distanza ad esempio al televisore.

Display

5.99 pollici, quindi bello grandino per la sua categoria. Rapporto di 18:9, un rettangolo perfetto, e IPS Full HD+ che significa una ottima qualità delle immagini, anche se non straordinaria. C’è da dire che Xiaomi Redmi Note 5 è estremamente luminoso, ed è la cosa probabilmente più bella e notevole del display. Non sappiamo se abbiano nascosto dei fari da qualche parte, ma lo schermo è forse il più brillante della categoria. Addirittura riesce a superare di poco l’Honor 7 quanto a luminosità, e per mettere sotto il Note 5 bisogna chiamare in causa il Motorola G6 Plus, che è una bella bestia.

E tra l’altro è anche una brillantezza omogenea nel rappresentare i colori, un bel 94% della superficie totale, con dei neri eccellenti, che con un valore di 0.23 cd/m² sono migliori di tutti i concorrenti della categoria. Questo significa che anche in una zona luminosa o con un sole splendente, se impostiamo la brillantezza al massimo riusciamo a vedere bene, anche se qualche riflesso può dare comunque fastidio.

Magnifici anche gli angoli di visuale, che tradotto in pratica significa che anche guardando lo schermo da angolazioni differenti riusciamo ad avere una bella immagine nitida.

Se proprio vogliamo trovare un difettuccio, a volte il blu prende un po’ troppo piede, anche se non in maniera disturbante.

Hardware

La dotazione hardware di Xiaomi Redmi Note 5 è favolosa. Un bel processore Qualcomm Snapdragon 636 con 8 core regala al dispositivo una ottima velocità. Se ci abbiniamo anche 4GB di RAM (esiste anche la versione con 6GB di RAM, sì) e una scheda grafica GPU Adreno 509, possiamo dare una valutazione assolutamente positiva del prodotto.

Forte, performante, anche in pieno utilizzo con tante applicazioni aperte non dà minimamente segni di cedimento: l’esperienza utente è più che positiva. Riesce a superare (lo confermano i benchmark della sezione apposita più sotto) il Motorola G6 Plus di un significativo 20%, ed è avanti pure all’Honor 7 e all’Huawei Y7. La concorrenza dovrebbe farci un pensierino.

La GPU è compatibile con DirectX 12.1, OpenGL ES 3.2, OpenCL 2.0 e Direct3D 12. Questo significa che è in grado di andare d’accordo con programmi grafici e videogiochi più comuni, per cui anche sotto l’aspetto del calcolo grafico è stato fatto davvero un ottimo lavoro. In questo caso Xiaomi Redmi Note 5 supera ancora la concorrenza, anche se lo stacco non è impressionante come nel caso del processore.

Sistema operativo

Sullo Xiaomi Redmi Note 5 gira Android 8.1 Oreo, il che è ottimo. Ma di più: al sistema operativo di Google si aggiunge l’interfaccia grafica propria della Xiaomi, la MIUI, che modifica e personalizza in maniera importante l’ambiente originale di Android. Possiamo assicurare che non si fa molta fatica ad abituarsi, e che la quantità di applicazioni a nostra disposizione è molta, (tante sono firmate proprio da Xiaomi) ma per fortuna sono ben organizzate e dunque non si cade nel bloatware, ovvero nel sovraccarico di app inutili.

Un errorino abbastanza imbarazzante è che potrebbe capitarvi di non riuscire a modificare l’ora perchè non c’è il tastino per la conferma. Verrà ovviamente corretto al primo aggiornamento, almeno lo speriamo, ma potrebbe capitarvi questo inconveniente. Inoltre, abbiamo una applicazione per il risparmio della batteria che è decisamente invasiva: per attivare il gioco Runtastic abbiamo dovuto disattivare parecchie parti del risparmio energetico.

Ricezione e chiamate

Xiaomi Redmi Note 5 monta due Nano SIM, per cui possiamo allegramente gestire due numeri in completa autonomia. La qualità della voce in entrata è ottima, forte e chiara, per cui nulla da dire. La nostra voce si sente altrettanto bene, in linea generale, ma dobbiamo tenere un tono medio: se lo alziamo potrebbe gracchiare leggermente e se lo abbassiamo qualche parole potrebbe sfuggire. Infine, si sente un leggerissimo rumore costante di fondo, dato dal microfono che non è di superba qualità.

Funzionalità

Lo sblocco tramite riconoscimento dell’impronta digitale è davvero molto veloce. Esiste anche l’opzione di sblocco tramite riconoscimento del volto che fa il suo dovere molto bene, a meno che non indossiamo occhiali da sole che potrebbero mettere Xiaomi Redmi Note 5 un pochino in difficoltà.

Camera principale

Se finora abbiamo detto “Uao! ma qui siamo oltre agli standard della categoria!” nel comparto fotocamera il Note 5 ci riporta alla realtà e ci fa capire che siamo dopotutto di fronte ad un dispositivo di fascia media.

Xiaomi Redmi Note 5 ha due sensori: uno da 12MP per lo scatto e uno da 5MP per il calcolo della profondità. Le immagini ovviamente vengono realizzate combinando gli impulsi dei due elementi.

Non siamo dicendo che la fotocamera sia orribile, però certamente non siamo sorpresi. In condizioni di luce normali il risultato è accettabile e anche con poca luce possiamo ottenere dei buoni scatti. Il problema principale sono degli evidenti limiti ai colori, e soprattutto (si era già visto quando parlavamo del display) il blu è gestito piuttosto maluccio, per cui potremmo avere un alone ciano che non ci piace.

Inoltre, niente stabilizzatore ottico, per cui o stiamo fermi durante lo scatto oppure la probabilità che ci vengano delle foto mosse è abbastanza alta. Insomma, la fotocamera è passabile, ma nulla di più.

Video

Passabili anche loro. Con la possibilità di registrare video a 1080 pixel, abbiamo delle prestazioni nella norma, ma niente di esaltante. Il risultato potrebbe scontentarci un pochino quando c’è molta luce, in quanto con ampia luminosità i video tendono ad essere sovraesposti. Xiaomi Redmi Note 5 è riuscito ad inserire la funzione Slow Motion a 720p che è abbastanza buona.

Audio

Buono per il suo segmento. Una canzone qualsiasi si sente bene, senza particolari problemi, forse solo negli alti stride leggermente, ma tutti i dispositivi di questa fascia fanno così. Anche l’audio che passa nelle cuffie o in uno speaker esterno è ok.

Camera Selfie

Xiaomi Redmi Note 5 ha una fotocamera per i selfie da ben 13MP per cui solo con questo strumento potrebbe essere una star dei selfie. Lo è veramente? quasi. Il risultato è certamente soddisfacente: non che ci si metta le mani nei capelli, ma comunque possiamo promuoverlo. Bene le tonalità di nero e i colori vividi. A volte, quando c’è molta luce, un pochino di sovraesposizione.

Connettività

E qui Xiaomi Redmi Note 5 torna a prendere buoni voti. Innanzitutto ha un segnale Wi-FI fortissimo: prende veramente molto molto bene in ogni condizione, anche a considerevole distanza dal router. Per cui promosso a pieni voti. Altro elemento positivissimo: un bel Bluetooth 5.0. Di solito troviamo ancora il 4.2 in questi prodotti, ma Xiaomi è stata furba.

L’altro lato della medaglia sono le 7 connessioni LTE supportate: sulla scatola c’è scritto 20, ma nei test sono 7 e sono pochine. Significa quindi che laddove navighiamo su internet con la connessione dati, anzichè rimanere in LTE passeremo alle frequenze minori più spesso della concorrenza. Niente NFC per lo scambio di dati tra dispositivi vicini.

Memoria

Qui scricchioliamo un po’. Xiaomi Redmi Note 5 ha 32GB di memoria, di cui circa 22 realmente utilizzabili, oppure ha la versione da 64GB, che è quella che recensiamo. La memoria è espandibile tramite le classiche schedine MicroSD fino a 256GB, ma purtroppo la memoria che avremo a disposizione non sarà quella interna + quella esterna, ma solamente quella esterna. Inoltre, la scrittura e la lettura dei dati su MicroSD è un pochetto più lenta rispetto alla concorrenza.

E in più: il Note 5 è un Dual SIM. Se mettiamo due SIM non abbiamo posto per la memoria, e se mettiamo la scheda di memoria dobbiamo sacrificare una SIM. Insomma: Xiaomi Redmi Note 5 non è lo smartphone per chi ha tonnellate di dati da registrare.

Batteria e durata

Xiaomi Redmi Note 5 consuma veramente molto: nei test il dispositivo mangia perlomeno il 20% in più rispetto alla concorrenza. Per riequilibrare questo Xiaomi ha montato innanzitutto una batteria da 4000 mAh, che è almeno 1000 punti superiore alla media del suo segmento. Inoltre, come accennato prima, è attiva una applicazione per il risparmio di energia piuttosto “invadente”.

Per questo Xiaomi Redmi Note 5 ha una durata decisamente interessante. Dura un giorno abbondante in pieno utilizzo, per cui sotto l’aspetto dell’autonomia non ha niente da invidiare a nessuno dei suoi concorrenti. Purtroppo non ha nè la tecnologia Quick Charge (ha un micro USB e non USB-C) nè la ricarica wireless, quindi quando lo mettiamo a nanna per la ricarica, ci vogliono due belle ore per tornare al 100%.

Gaming

Giochi abbastanza semplici si possono fare. Shadow Fight 3, ad esempio, fila liscio, così come Angry Birds 2. Ovviamente se saliamo di livello, come con PUBG, Xiaomi Redmi Note 5 inizia a scaldarsi e la batteria si consuma più velocemente.

Trucchi

Sblocco con posizione

Il primo trucco per lo Xiaomi Redmi Note 5 è quello sulla località. Se cercate di attivare alcune funzioni e vedete che non ci riuscite, provate a cambiare la localizzazione: selezionate Hong Kong e vedrete che riuscirete a risolvere.

Doppia suoneria

Se andate in Impostazioni -> Suoni & vibrazione potete selezionare una suoneria e un tono dei messaggi per le due SIM così potete capire subito su quale numero vi stanno chiamando.

Registra le chiamate

Se nelle impostazioni cercate la funzione Dialer potete registrare le chiamate senza scaricare una applicazione apposita.

Video in 4K

Abbiamo detto che Xiaomi Redmi Note 5 non può registrare video in 4K, però l’hardware che ha a disposizione in teoria lo consente. Se vi appoggiate all’applicazione OpenCamera, potete forzare il sistema a registrare in risoluzione 2160p (4k).

Benchmark

Secondo Geekbench, Xiaomi Redmi Note 5 si posiziona assai bene nella comparazione con i suoi più diretti concorrenti. Nell’analisi delle prestazioni del processore con tutti i core collegati, è saldamente sopra a Moto G6 Plus, a Honor 7 e a Huawei Y7, stessa cosa nelle performance del singolo core.

Non buttare Via Soldi. Compralo su Amazon Adesso:

2018 – Date statistice privind înfrățirea Italia – România

Date statistice privind înfrățirea Italia – România

Popolazione residente in Italia proveniente dalla Romania al 1° gennaio 2018. Dati ISTAT.

Romeni in Italia: 1.190.091 su 5.144.440 stranieri in Italia (23,1%)

Classifica per regione

Classifica delle regioni italiane ordinata per numero di residenti romeni .

Regione Romeni % su tutta
la popolaz.
straniera
Variazione
% anno
precedente
Maschi Femmine Totale %
 1. Lazio 105.135 127.721 232.856 19,6% 34,27% +1,4%
 2. Lombardia 77.644 94.401 172.045 14,5% 14,91% +2,5%
 3. Piemonte 64.831 83.597 148.428 12,5% 35,05% +0,2%
 4. Veneto 54.380 68.353 122.733 10,3% 25,16% +2,9%
 5. Emilia-Romagna 37.291 53.744 91.035 7,6% 16,98% +3,4%
 6. Toscana 32.191 52.430 84.621 7,1% 20,72% +0,2%
 7. Sicilia 23.146 33.832 56.978 4,8% 29,52% +3,2%
 8. Campania 17.555 24.825 42.380 3,6% 16,39% +2,8%
 9. Puglia 13.455 22.209 35.664 3,0% 26,55% +2,5%
10. Calabria 15.521 19.774 35.295 3,0% 32,53% +3,6%
11. Abruzzo 10.766 15.937 26.703 2,2% 30,67% -1,2%
12. Umbria 9.689 16.624 26.313 2,2% 27,49% +0,4%
13. Marche 8.986 17.218 26.204 2,2% 19,26% +0,9%
14. Friuli Venezia Giulia 10.650 13.974 24.624 2,1% 23,08% +3,4%
15. Liguria 8.398 12.301 20.699 1,7% 14,61% +2,9%
16. Sardegna 4.590 9.626 14.216 1,2% 26,22% +1,9%
17. Trentino-Alto Adige 5.556 7.953 13.509 1,1% 14,23% +2,0%
18. Basilicata 3.638 5.482 9.120 0,8% 40,53% +4,0%
19. Molise 1.607 2.549 4.156 0,3% 29,81% -1,3%
20. Valle d’Aosta 932 1.580 2.512 0,2% 30,95% +0,3%
Totale ITALIA 505.961 684.130 1.190.091 23,1% +1,8%

Distribuzione per regione negli ultimi anni

Stranieri residenti con cittadinanza romena al 1° gennaio di ogni anno.

Regione 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012
Abruzzo 26.703 27.031 27.003 27.036 25.847 22.579 19.465
Basilicata 9.120 8.768 8.550 8.213 7.322 6.101 5.394
Calabria 35.295 34.076 33.137 31.508 29.791 25.293 22.217
Campania 42.380 41.235 39.547 37.905 35.691 30.409 26.096
Emilia-Romagna 91.035 88.034 85.479 82.891 78.732 67.956 59.426
Friuli Venezia Giulia 24.624 23.817 23.479 23.416 22.618 20.431 18.302
Lazio 232.856 229.702 227.029 224.537 207.050 164.163 149.877
Liguria 20.699 20.124 19.583 19.018 18.106 15.137 13.279
Lombardia 172.045 167.891 164.983 159.626 154.071 136.233 120.114
Marche 26.204 25.976 25.649 25.784 24.986 22.767 20.615
Molise 4.156 4.210 4.159 4.206 3.981 3.510 2.974
Piemonte 148.428 148.136 149.568 150.216 148.303 132.000 122.061
Puglia 35.664 34.800 33.597 32.271 30.158 25.532 21.212
Sardegna 14.216 13.955 13.550 13.446 12.037 9.654 8.059
Sicilia 56.978 55.197 53.189 50.772 48.014 41.007 36.061
Toscana 84.621 84.417 83.943 83.244 81.068 71.031 64.311
Trentino-Alto Adige 13.509 13.243 13.068 13.063 12.622 11.548 10.089
Umbria 26.313 26.216 26.134 26.030 25.646 23.113 21.051
Valle d’Aosta 2.512 2.505 2.554 2.601 2.618 2.461 2.112
Veneto 122.733 119.219 117.194 116.056 112.739 102.429 91.750
Totale ITALIA 1.190.091 1.168.552 1.151.395 1.131.839 1.081.400 933.354 834.465

Aceste date sunt la 1 ianuarie 2018.

Având în vedere creșterea numărului de sosiri în ultimul deceniu, se presupune că procentul de prezențe din Italia ar trebui să crească cu câteva puncte procentuale.

Având în vedere un factor tangibil și anume criza economică care a lovit Italia, populația românească ar trebui să rămână neschimbată sau chiar să scadă față de anul 2018. Vom observa această variație în câteva luni.

pitema.com

F.G.

1 Ianuarie 2019 în Italia factură electronică

fatturazione-elettronica

Ce este facturarea electronică.

Începând cu 1 ianuarie 2019, toți dintre noi vor trebui să ne ocupăm de “e-facturile” îngrozite, așa cum le numesc cei din interior. Dar ce este facturarea electronică și cum funcționează? Facturarea electronică este un sistem digital pentru emiterea, transmiterea și stocarea facturilor, ceea ce vă permite să abandonați definitiv hârtia și toate costurile relative ale tipăririi, transportului și stocării. Facturarea electronică modifică radical modul de completare, trimitere, primire și stocare a facturilor.

Formatul, numit FatturaPA, este calea cu care trebuie produse facturile electronice. Este un flux de date structurat în format digital, cu același conținut de informație ca o factură de hârtie, dar scris în XML. Nu-ți fie frică. 

Nu va trebui să învățați să scrieți în cod! Timp de mulți ani, factura a fost compilată în mai multe moduri: hârtie și stilou, mașini de scris, prin editori de text sau foi de calcul (cuvânt, excel, etc …), utilizând software-ul de facturare și gestionare mai mult sau mai puțin avansat. Odată completat de către furnizor, factura a fost trimisă clientului prin poștă, poștă electronică, călător de porumbei etc. Beneficiarul (clientul) a avut obligația de a păstra pe hârtie documentul primit timp de cel puțin 10 ani (de aceea facturile descărcate prin e-mail au fost tipărite).

Facturarea electronică definește astăzi o singură cale standard datorită sistemului de venituri interne (ESI). Factura electronică este completă utilizând software-ul de facturare electronică. Acesta este semnat digital (prin semnătura electronică calificată) de către persoana care emite factura sau de către intermediarul său pentru a garanta originea și conținutul. Cine emite factura va apoi trimite-l la destinatar prin intermediul sistemului Interchange care, prin lege, este un punct obligatoriu de trecere pentru toate facturile electronice emise de administrația publică și la privat (în curând să înțeleagă cu astfel de diferențe „subtile“) . După verificările tehnice automate, Sistemul Interchange trimite documentul Administrației Publice sau entității private la care este adresată. Sistemul de schimb funcționează ca o intersecție între părțile interesate și are sarcina de a verifica dacă formatul documentului primit este corect și că datele introduse sunt complete.

Fattura elettronica

Cum funcționează factura electronică?

Aceasta este, fără îndoială, cea mai populară cerere a acestor luni de către antreprenori, profesioniști, angajați administrativi … Ca să nu vă înnebunești, oferindu-ți toate detaliile tehnice, care te-ar deruta doar pe tine, să clarificăm rapid lucrurile de bază pe care nu le poți ignora:

  1. Compilarea facturii electronice
  2. Semnătura electronică calificată și trimiterea prin sistemul de schimb
  3. Primirea și înregistrarea facturii
  4. Păstrarea facturii electronice

  1. Cum se completează o factură electronică Procesele de facturare electronică între persoane fizice prin Sistemul de schimb și spre administrația publică sunt aproape identice. Cea mai ușoară modalitate de a finaliza o factură electronică este să o faceți prin intermediul software-ului dvs. de facturare sau de gestionare (dacă nu aveți una, administrarea Danea Easyfatt sau Facturile în nori sunt pentru dvs.!). Procedura de facturare este întotdeauna aceeași. Imprimați factura și apoi, în loc să o tipăriți sau să o salvați în format PDF pentru a o trimite prin e-mail, generați fișierul factură în formatul XML InvoicePA. Diferența importantă dintre o factură electronică B2B (între subiecții privați cu număr de TVA), o factură către Administrația Publică și un consumator de versuri (B2C) Pentru a ști cine să livreze factura electronică, sistemul Interchange utilizează diferite metode în funcție de tipul de destinatar. birourile Administrației Publice sunt identificate printr-un Birou Cod Univoc format din 6 caractere care trebuie să fie inclus în factură; consumatorii: în momentul de față există încă o aură de mister despre modul în care vor fi identificate și unde factura electronică va fi livrată de ES (cea mai acreditată ipoteză este că acestea sunt identificate prin Codul fiscal și că SdI livrează în sertarul fiscal). Singura certitudine este că consumatorul poate cere să i se dea o copie (sau PDF) a facturii; pentru beneficiarii B2B (companii, profesioniști etc.) rutele de expediere sunt 2: PEC: fișierul XML conține adresa PEC a clientului căruia îi va transmite factura SdI. Codul destinatarului SdI: atunci când clientul are un cod de acreditare SdI, acest cod trebuie utilizat pentru a trimite factura.

  2. Semnează digital factura electronică și trimite-o prin ES După ce ați produs factura electronică (un fișier XML), va trebui să o semnați digital cu o semnătură electronică calificată și apoi să o trimiteți prin intermediul sistemului Exchange către destinatar. Alegerea cea mai simplă este aceea de a încredința totul unui sistem de gestionare a facturării (cum ar fi Danea Easyfatt sau Facturi în Cloud), simplificând trimiterea la Sistem și gestionarea răspunsurilor și interpretarea tuturor mesajelor de eroare. Serviciul va avea grijă de: Aplicați semnătura digitală (electronică calificată) cu o referință de timp pentru fiecare factură. Trimiteți factura către sistemul de schimb, urmărind întreaga cale de validare și acceptare (sau aruncați) documentul și raportați prompt orice probleme sau anomalii. Trimiteți documentul electronic pentru o perioadă de 10 ani unui depozit de înlocuire.
  3. Primirea și înregistrarea facturii electronice “Ok, Sistemul Interchange este locul în care trimit factura, dar cum să primesc și să înregistrez o factură electronică?” ES este un fel de poștaș! Sistemul vă va trimite factura după verificarea cerințelor tehnice. Tot ce trebuie să faceți este să importați factura electronică în software-ul dvs. pentru al înregistra. Dacă, în schimb, vă interesați atât de mult să o înregistrați manual, nu va trebui să deschideți fișierul cu un cititor potrivit și să-l înregistrați (deși este posibil ca în primele zile companiile să trimită clienților o copie “tradițională”).
  4. Depozitarea substitutivă a facturilor electronice: ce înseamnă aceasta? Conservarea substitutivă este o procedură informatică care permite acordarea în timp a valorii juridice unui document IT care îl echivalează cu documentul original. Legislația prevede că loturile de facturi electronice sunt păstrate timp de 10 ani atât de către agentul de înregistrare, cât și de către beneficiar. Avantajele practice ale stocării substitutive sunt evidente și au repercusiuni asupra tuturor etapelor de imprimare, stocare și arhivare: eliminarea costurilor directe (toner, hârtie, locuri de conservare); eliminarea riscului de distrugere, corupție sau pierdere; reducerea timpului de cercetare și consultare. De asemenea, în acest caz un management, cum ar fi de exemplu. Danea Easyfatt sau Facturi în Cloud este cea mai bună soluție care are grijă de întregul proces de la semnare, trimitere prin ES și conservare substitutivă.

Sper că am fost de ajutor în explicație, recomandându-vă să vă bazați pe profesioniștii care lucrează în procesarea documentelor fiscale. www.pitema.com

Coppia: separati in casa

Separati in casa pitema.com

Essere separati in casa comporta delle conseguenze sulla vita famigliare e soprattutto sullo stato emotivo dei figli. I consigli della psicologa per evitare che i bambini vengano strumentalizzati per rivendicare diritti e lamentare le proprie frustrazioni

Separati in casa

Quali conseguenze per i figli? Un tema abbastanza attuale è quello della separazione, dei nuclei ricostituiti, deiconflitti di coppia per l’affidamento dei figli. Ma quando due coniugi si lasciano e continuano a vivere sotto lo stesso tetto, cosa succede?

Quali sono le conseguenze sullo stato emotivo dei figli?

La separazione, e il conseguente divorzio, tra coniugi rientra tra gli eventi più stressanti nella vita di ogni singolo individuo. Secondo la “The Social Readjustement rating scale”(1967) di Holmes-Rahe, due psichiatri americani, la separazione dal coniuge è uno degli eventi più stressanti in assoluto nella vita del singolo individuo e nella loro scala di valutazione ha un valore di 65 su 100. Sommato ad altre situazioni, tra cui il cambio di abitazione, delle abitudini di vita, dello stile alimentare, della sessualità e così via, può comportare delle conseguenze significative per la salute psicofisicaanche su chi naturalmente ‘subisce’ la separazione, ossia i figli.

Separarsi in casa

I problemi di tipo economico spesso sono un ostacolo alla disunione effettiva dei due coniugi che scelgono, di contro, di coabitare anche se conducono due vite distinte e spesso con delle nuove relazioni in atto. Ciò comporta una persistenza del legame nonostante l’amore sia terminato. Il vincolo implica inevitabilmente dipendenza e questa condizione può tramutarsi in una problematica non indifferente sia in una relazione priva di conflitti sia in una nella quale si esprimono ancora rancore e ostilità, nonostante il matrimonio sia finito. L’aspetto finanziario può in definitiva essere ‘supportato’ da una serie di soluzioni che spesso faticano ad essere proposte. Per cui si preferisce mantenere lo status quo piuttosto che proporre ed accettare un cambiamento.

È anche vero, che in molte situazioni, la condizione economica di uno, o addirittura entrambi i partner, è piuttosto precaria ed alloral’unica soluzione plausibile è quella di restare sotto lo stesso tetto anche per fornire una stabilità ai figli.Alcune volte, però, non è solo l’aspetto finanziario che ostacola i due ad allontanarsi bensì una paura della sofferenza che ne deriva. Per citare nuovamente Holmes e Rahe lasciarsi non è così semplice come possa sembrare. A volte la separazione stessa, il perdere l’altro, allontanarsi e cambiare il proprio assetto familiare e abituale produce inevitabilmente un forte stress, può manifestarsi ansia, depressione e in taluni casi una crisi psicoticacome avviene nei contesti patologici del femminicidio in seguito ad un abbandono.

È pertanto problematica, motivo per il quale anche se non si va d’accordo il legame e la coabitazione rimane l’unica chance attraverso la quale si evita una sofferenza difficile da gestire per tutti i componenti della famiglia.

Separazioni e affetti interiorizzati

Le dinamiche del rapporto di coppia, il comportamento tra i coniugi e la relazione che ognuno dei genitori stabilisce con i singoli figli vengono interiorizzate per poi divenire un modello comportamentale ed affettivo. Conoscere, osservare e accettare il modello dei genitori in un contesto di separazione, nel quale la coppia smette di esistere con le sue peculiarità di fiducia, condivisione, affetto reciproco e erotismo ha un messaggio specifico, nel quale è evidente la rinuncia alla affettività, all’amore e ad un rapporto sano.Si esorcizza così il senso di solitudine che sembra essere intollerabile solo al pensiero.

Ma le occasioni di litigio possono insorgere in qualsiasi momento ed i figli rischiano davvero di diventare occasione di ripicca, di accusa, strumenti per rivendicare i propri diritti e mettere in evidenza le mancanze dell’altro dinanzi agli stessi. La separazione può dar vita a diversi disagi primi tra tutti ansia e depressione non solo nei partner ma anche nei figli. Se i bambini sono molto piccoli i primi sintomi che possono insorgere sono: inappetenza, insonnia, enuresi, difficoltà di concentrazione, ansia da separazione. Se più grandi, lo scarso rendimento scolastico, un inadeguato interesse per le attività quotidiane, incomprensioni con uno dei genitori o entrambi, chiusura in se stessi, manifestazioni di rabbia o aggressività.

È importante quindi fare attenzione a qualsiasi reazione determinata dal nuovo cambiamento o dalla percezione che loro stessi hanno della famiglia che ha smesso di essere tale. Infatti, anche se a loro non è stato palesato, inevitabilmente se ne rendono conto.

Cosa fare?

  • È giusto, per quanto possibile, cercare di vivere in contesti diversi anche se ciò comporta un grande sacrificio dal punto di vista economico e affettivo. Se risulta davvero impossibile bisognerebbe cercare di comunicare ai propri figli la decisione presa in merito alla separazione e alla convivenza dato che loro risultano molto attenti e sensibili alle paturnie della coppia. La motivazione fornita loro, realistica, permette di contenere le angosce e le paure condividendole e tollerandole maggiormente. Molto spesso l’adulto ha difficoltà a farlo, sia per tutelare i figli ma anche perché in definitiva ancora non è stata accettata ed elaborata la scelta giustificandosi con un semplice ‘tanto non possono capire’ o ‘sono davvero piccoli, magari crescendo potranno farlo da soli’ .
  • Cercare di ridurre al minimo i conflittie comunque non discutere dinanzi a loro.
  • Confrontarsi con uno psicologoo una figura professionale che possa intervenire e supportare il singolo e la famiglia nel caso di manifestazioni di disagio psichico derivanti dalla situazione che si sta vivendo.
  • Rassicurare i figli in merito ad eventuali discussioni per evitare l’insorgenza di possibili sensi di colpa.
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.
Pubblicato da www.pianetamamma.it 11/09/2018

Chianti Classico Collection 2018 in dieci vini

Unknown

Un quarto di secolo di anteprime dei vini Chianti Classico è un traguardo prestigioso, certificato dai numeri sempre più importanti che la rassegna fiorentina offre alla stampa internazionale e agli operatori del settore. Ben 186 aziende con 659 etichette in degustazione hanno movimentato la due giorni della Stazione Leopolda (12-13 febbraio) dove erano in degustazione le anteprime da botte dell’annata 2017, della Riserva 2015 e della Gran Selezione della stessa vendemmia. E non solo, perché le cantine avevano la possibilità di presentare anche annate precedenti offrendo così un ampio panorama enologico della produzione chiantigiana.

Chianti Classico 2017: siccità record

«L’annata 2017», ha spiegato il presidente del Consorzio Chianti Classico, Sergio Zingarelli, «penso che rimarrà nella storia perché ha segnato l’anno record per la siccità negli ultimi 70 anni, portando a una riduzione della produzione del 27%. Per fronteggiare questa anomala situazione meteorologica, mai come in quest’anno è stato fondamentale porre grandissima attenzione alla conduzione del vigneto, e grazie a questa siamo riusciti a portare in cantina uve sane e di ottima qualità»

Cala la produzione, ma la qualità è costante

La produzione di Chianti Classico 2017 è stata di circa 206 mila ettolitri, il quantitativo più basso degli ultimi 40 anni. «A fronte di questa importante riduzione quantitativa», ha aggiunto il neo direttore del Consorzio, Carlotta Gori, «a livello qualitativo i vini rivelano già dai primi assaggi piacevoli sorprese. In generale si hanno intensità e tonalità di colore molto interessanti, con note gradevoli del profilo aromatico, già oggi molto intenso, e con importanti note fruttate. Insomma, un’annata molto piacevole, che fa ben sperare per la futura evoluzione di questi vini».

Il Gallo Nero cresce ancora sul mercato mondiale

D’altra parte le notizie che giungono dai mercati del Gallo Nero sono molto incoraggianti perché il 2017 si è chiuso, per il terzo anno consecutivo, con vendite per oltre 37 milioni di bottiglie. «Un traguardo storico», ha sottolineato Zingarelli, «per una denominazione che può vantare una crescita che negli ultimi otto anni ha sfiorato il +50%». Quanto ai mercati, la classifica è guidata sempre dagli Stati Uniti (una bottiglia su tre di Chianti Classico è venduta qui), seguiti da Italia, Germania, Canada, Paesi Scandinavi, Regno Unito, Svizzera e altri ancora.

I nostri migliori assaggi a Chianti Classico Collection 2018 (leggi qui)

Oltre ai Chianti Classico annata 2017, ottima impressione hanno fatto anche i Chianti Classico Riserva 2015 e soprattutto i Gran Selezione della stessa vendemmia. Tutti prodotti con i quali il Consorzio e le aziende del territorio sono impegnati da quest’anno nella nuova campagna di comunicazione dedicata al “Signore del Chianti Classico”. Ecco i nostri migliori assaggi:

images-1

Pitema.com Organizza le tue VACANZE TRA LE TERRE DEL VINO CHIANTI

Diritto di Famiglia / Dreptul Familiei

Compania noastră, datorită colaborării firmelor de avocatură cu mulți ani de experiență în domeniu, garantează asistență în domeniul dreptului familiei, care este prezentată mai jos printr-un exemplu:

1) Asistență în procedurile de consens sau de separare judiciară

2) Schimbarea condițiilor de separare sau de divorț

3) Pașaportul de revocare a procedurii pentru părintele care nu asigură întreținerea copiilor

4) Separare cu negociere asistată

5) Stipulează contractele de conviețuire

6) Procedura custodiei copilului

7) Legea succesiunii

8) Protecția persoanelor cu handicap

________________________Descrizione___________________________
1) Asistență în procedurile de separare consensuală și / sau judiciară, pentru a proteja drepturile soților și copiilor minori, cu o cerere ulterioară de întreținere și cesiune în familie.
2) Schimbarea condițiilor de separare sau de divorț (de exemplu pentru supraviețuirea altor copii, pierderea muncii, nunți noi etc.)
3) Pașaportul de revocare a procedurii de asistență pentru părinte care nu prevede întreținerea copiilor.
4) Separarea cu negociere asistată – Asistență în caz de sepazione cu negociere asistată, și anume acordul de separare încheiat între părțile de soare asistate de apărătorii lor, fără intervenția judecătorului. Este posibilă numai dacă sunt îndeplinite anumite cerințe.
5) Asistența prevede contracte de conviețuire Este scris acorduri cu care fiecare pereche poate defini, de fapt, problemele inerente în cadrul economic și financiar“, de asemenea, având în vedere defalcarea relației sau moartea prematură a unuia dintre parteneri.
6) MINORILOR: – procedura de îngrijire a copilului de custodie, moștenire sau acceptarea de donații de către minori, clearance-ul cerere de pașaport, de paternitate recunoscând, de asistență în cadrul unei proceduri de schimbare sau nume de familie plus …
7) DREPTUL SUCCESIUNILOR: – Asistența în elaborarea holografiei va fi testament biologic. – Asistență în procedurile de acceptare sau renunțare la o moștenire. – Acțiuni judiciare pentru a proteja respectarea cotelor rezervate pentru moștenitorii legitimi.
8) PROTECȚIA DEZACTIVAT.      Asistență în aplicarea pentru procedurile de sprijin și de administrare în etape succesive (de exemplu, Redactare prima declarație, solicită autorizarea judecătorului de supraveghere ..)

Problemele dvs. pot fi rezolvate. Folosiți sfatul nostru juridic GRATUIT – faceți clic pe AICI

La nostra società grazie alla collaborazione di studi legali con esperienza pluriennale nel settore, garantisce assistenza nell’ambito delle questioni di diritto di famiglia, di cui si fornisce di seguito un’esemplificazione:

1) Assistenza nelle procedure di separazione consensuale o giudiziale

2) Modifica delle condizioni di separazione o divorzio

3) Procedimento di revoca del passaporto per il genitore che non provvede al mantenimento dei figli

4) Separato con negoziazione assistita

5) Stipulare accordi di coabitazione

6) La procedura del caso copylean

7) Legge di successione

8) Protezione delle persone con disabilità

_______________________________Descrizione_______________________________

1) Assistenza nei procedimenti di Separazione consensuale e /o giudiziale, al fine di tutelare i diritti dei coniugi e dei figli minori, con conseguente richiesta di mantenimento e assegnazione casa familiare.
2) Modifica delle condizioni di separazione o divorzio (es. per sopravvenienza di altri figli, perdita del lavoro, nuove nozze ecc..)
3) Assistenza procedimento revoca passaporto per il genitore che non provvede al mantenimento dei figli.
4) Separazione con negoziazione assistita – Assistenza in procedimenti di sepazione con negoziazione assistita, ovvero la separazione consensuale conclusa tra le sole parti assistite dai loro difensori senza l’intervento del giudice. È possibile solo in presenza di determinati requisiti.
5) Assistenza stipula Contratti di convivenza
Si tratta di accordi scritti con cui ogni coppia di fatto può definire le questioni inerenti l’ assetto economico-patrimoniale, anche in vista dell’eventuale rottura del rapporto o della scomparsa prematura di uno dei conviventi.
6) MINORI: – assistenza procedimento di affidamento minori, accettazione eredità o donazioni da parte dei minori, richiesta nulla osta per passaporto, riconoscimento paternità, assistenza nei procedimenti di cambiamento o aggiunta cognome..
7) DIRITTO DELLE SUCCESSIONI: -Assistenza nella redazione del testamento olografo, testamento biologico. –Assistenza nei procedimenti di accettazione o rinuncia di un’eredità. –Azioni giudiziarie a tutela del rispetto delle quote riservate agli eredi legittimi.
8) TUTELA DEI DISABILI: – Assistenza nelle procedure di richiesta amministrazione di sostegno e nelle fasi successivi (es. redazione primo rendiconto, richieste autorizzazione Giudice Tutelare… )

 

Usa la nostra Consulenza GRATIS – Clicca QUI